Zalando Golden Goose

In caso di violazione da parte dell’utente di uno qualsiasi dei diritti di privativa di Condé Nast o di qualsiasi soggetto terzo, Condé Nast potrà sospendere o interrompere l’accesso degli utenti, degli abbonati, dei soggetti registrati e/o dei titolari di account che violino diritti di privativa altrui ed eventualmente agire in giudizio nei loro confronti. Date le caratteristiche intrinseche dei Servizi, a Condé Nast non è possibile sottoporre ad alcun tipo di controllo, precedente o successivo, ogni Contenuto immesso on line sui Siti. Condé Nast riservandosi la facoltà di effettuare qualsiasi tipo di controllo, anche a campione, declina pertanto qualsiasi responsabilità per i contenuti immessi sui Siti dai propri utenti, impegnandosi unicamente a provvedere alla tempestiva rimozione dei contenuti oggetto di contestazione da parte di terzi a fronte di idonea segnalazione da parte dell’interessato e/o dell’autorità competente.

Times, Sunday Times (2012)Two other convicts were in court as witnesses. Times, Sunday Times (2009)We are encouraging witnesses to come forward. The Sun (2012)There must also be a witness present. Molti effetti speciali, ironia e forza visionaria caratterizzano la pellicola rendendo un film apparentemente privo di profondità psicologica un racconto fantasy ammantato dalla mano di un autore.Cinema tratto dai fumetti e una metafora fantasy per parlare del mondoSempre tratto da un fumetto come il precedente Blade II, anche Hellboy (2004) trae ispirazione dalla saga creata da Mike Mignola. In questo caso il tocco del regista si sente meno, la sceneggiatura è molto simile ai fumetti d’origine, i dialoghi non lasciano il segno. Quello che distingue il film da molti action movie simili, è la passione con la quale Del Toro gira le scene, l’amore per l’armonia delle forme e il desiderio di andare oltre la realtà, sconfinare nella fantasia più lontana per trarre spunto per la creazione di maschere nuove e mai viste prima d’ora al cinema (l’attore Ron Perlman è straordinario nel vestire i panni diabolici del gigante protagonista).

Nauseato dal proprio lavoro e dalla routine di Helsinki, snervato da una moglie priva di ogni buon gusto e che, come non fosse abbastanza, non ha mancato di mettergli le corna, Kaarlo Vatanen è un giornalista quarantenne in piena crisi d’identità. Una sera d’inizio estate, al rientro da un servizio fuori porta, lui e un collega fotografo investono un leprotto che fugge terrorizzato nel bosco. Raggiunto e medicato l’animale, Vatanen sente che l’occasione per una fuga da quel mondo così indigesto è propizia e la coglie al volo: si dà alla macchia tra gli improperi del compagno di viaggio e a casa non tornerà più, abbracciando prima con qualche esitazione, poi con disinvoltura assoluta, una vita raminga ma enormemente più sana e consapevole, con la sola compagnia di quella lepre salvata da morte certa.