Golden Goose Trovaprezzi

Estroverso. Comunicativo. Pratico. Oltre a fare una menzione speciale per il compianto Massimo Gentile che è stato un sensazionale Ezechiele Lupo, va sottolineato che anche per quanto concerne il divertente corto de I tre moschettieri ciechi è la sola seconda occasione chesi ha modo di ascoltarlo interamente doppiato nel panorama del mercato homevideo (l nastro in cui è contenuta questa versione è una Videoparade editoriale): in realizzazioni precedenti le canzoncine ed i motivetti erano stati mantenuti in lingua originale. I nuovi dialoghi riprendono abbastanza fedelmente quelli del doppiaggio che troviamo in Pippo, Pluto, Paperino supershow di cui abbiamo già parlato, quindi è abbastanza probabile che si sia usato proprio il medesimo copione. Molto particolare il design della cover che riprende la celebre scena finale del corto che dà il titolo al nastro, in un disegno presumibilmente di matrice europea (è presente infatti anche sulla fascetta della vhs francese Les Chefs d de Walt Disney, sorta di riedizione del già citatoI capolavori di Walt Disney 9 Oscars)..

New kayaks, rigged with custom sensors by British scientists, can serenade paddlers with music made from environmental data. The Sonic Kayak records temperature, GPS locations and underwater noise, and then transforms the information into a soundtrack for the cruise. The team behind the project, which published Thursday in PLOS Biology, hope the kayaks can entice citizens into conducting science..

Ho visto un documentario su Bob Dylan da giovane. Si vestiva di nero, i capelli un po corti e ricci e gli occhiali neri. Per tutto il tempo, a parte quando è ripreso sul palco, lui fondamentalmente fuma magnifiche sigarette che spargono un fumo denso, spesso, anche bello a vedersi, una specie di nebbia in cui Bob è sempre avvolto.

A seguire, apparirà anche in Tube (2003) e Spring Bears Love (2003) che però saranno un flop al box office e la spingeranno a prendersi una pausa dall’industria cinematografica.L’assenza dal grande schermoDurante questo momento di assenza dal grande schermo, l’attrice si dedica alla fotografia, dividendosi fra il suo blog ufficiale e la pubblicazione di libri fotografici. E non accantona nemmeno la recitazione, visto che accetterà di apparire in due telefilm come Country Princess e Rosemary. Poi convinta da Park Chan wook, accetta di essere da lui diretta teatralmente in “Sunday Seoul” nel 2004.Il ritorno al cinemaIl ritorno al cinema avviene nel 2005, nel memorabile film giapponese Linda Linda Linda, dove recita il ruolo di una studentessa che entra in una band.

Lascia un commento